Psicologia Olistica

Dott. Roberto Maria Sassone
Collegati

La Voce ed il Corpo nel Movimento Consapevole (Laura Mercadante e Paolo De Tuglie)

17 febbraio 2011

LA VOCE E IL CORPO NEL MOVIMENTO CONSAPEVOLE

Percorso di Drammaterapia attraverso l’espressività vocale e corporea

“…E dal silenzio del corpo nacque una Voce che levandosi in vibrazione sonora mosse lo Spirito tutto alla consapevolezza di sé in movimento e vita…”

Sempre di più le Artiterapie stanno fornendo un importante contributo in ambito terapeutico: dalla prevenzione alla riabilitazione, dalla cura della persona allo sviluppo del benessere. Tra queste emerge negli ultimi anni la Drammaterapia che, fondata sull’utilizzo delle tecniche teatrali, presenta una vasta gamma di applicazioni spendibili in numerosi contesti di agio e disagio proprio perché confluiscono in essa molteplici possibilità metodologiche. La Drammaterapia, senza addentrarsi nelle complesse prospettive psicologiche insite in un percorso terapeutico, lavora sulla concretezza degli elementi proposti dal conduttore, con l’attenzione e la delicatezza consentite dall’utilizzo delle tecniche proiettive, e pone tra i suoi obiettivi principali lo sviluppo e l’attivazione delle capacità creative e immaginative promuovendo la libera e spontanea espressività corporea e vocale, e valorizzando le parti sane e positive dell’individuo. Gli interventi possono variare a seconda dell’orientamento teatrale che s’intende sviluppare o a seconda delle scelte operate dal conduttore sulla base delle caratteristiche dei partecipanti

Nello specifico, il percorso “La voce e il corpo nel movimento consapevole” si propone di condurre i partecipanti in un viaggio di conoscenza di sé attraverso l’espressione corporea e vocale per approdare alla creazione di una propria “leggenda” personale. Fondamentale a tal proposito l’invenzione del Diario corporeo e dell’In-canto biografico su cui fissare di volta in volta i materiali emersi dalle visualizzazioni e improvvisazioni sensoriali.

Grazie al training corporeo, sensoriale e vocale della prima fase del percorso è possibile lavorare successivamente sulla creazione e ripetizione di piccole sequenze di azioni fisiche nate da ricordi e vissuti personali - metodo terapeutico di derivazione Grotowskjana –. Questo è l’elemento portante del percorso poiché stimola la consapevolezza e migliora la qualità del movimento producendo nel vivere quotidiano presenza, armonia e benessere. Stimolando il potenziale positivo e attivando la consapevolezza, i partecipanti vengono coinvolti a scegliere la loro Azione Trasformativa e a divenire con gioco e leggerezza, ma anche con attenzione e precisione, attori e registi della propria “opera teatrale” (la vita quotidiana).

Felice è colui che può compiere l’azione”, dice l’Elektra di Von Hofmannsthal.

Nell’opera teatrale, infatti, è l’azione ciò che conta, ed il dramma è per l’appunto, etimologicamente, azione compiuta. L’azione è movimento, lo scorrere della vita attraverso il cambiamento. Questo è il senso dell’Azione simbolico-teatrale: produrre un cambiamento e una trasformazione interiore utilizzando consapevolmente il proprio corpo e la propria voce. Ciò che viene agito è il risultato dell’armonico equilibrio dei quattro elementi naturali all’interno del corpo umano (inteso come microcosmo). Per questo tutti gli esercizi proposti sono simbolicamente abbinati ai quattro elementi (Aria: Respiro/Voce; Terra: Consapevolezza corporea; Acqua: Sensorialità; Fuoco: Improvvisazione e creazione di storie).

Inoltre, il lavoro d’improvvisazione rende l’individuo libero di uscire dalla fissità dei comportamenti automatici e cristallizzati per acquisire l’elasticità e la spontaneità necessarie all’assunzione dei molteplici ruoli e possibilità che la vita con la sua complessità richiede.

Per informazioni e contatti:

Laura Mercadante 338.2922456 laura.mercadante@gmail.com

Paolo de Tuglie 349.4534950 paolo.detuglie@fastwebnet.it

Lascia un commento