Psicologia Olistica

Dott. Roberto Maria Sassone
Collegati

La respirazione di Luciano Marchino

21 maggio 2009

2 Commenti a “La respirazione di Luciano Marchino”

  1. Elia

    E’ successo dinuovo;ormai troppe volte ormai, e quindi penso proprio che c’è qualcosa che ci lega; questa persona ha detto quello che avevo capito con l’esperienza fatta in prima persona, e che sto praticando:c’è uno stato in cui quello che si fa è “nn fare nulla”, ti abbandoni avendo in mano ancora il timone; cioè passi il timone credo al vero centro di coscienza; quindi in realtà è un modo particolare di abbandono; quello che mi succede, quando riesco a “farlo” e che il mio essere tende a far entrare l’aria perchè appunto “Il corpo si apre”; si manifesta una vista migliore, i suoni sono tali che quasi entri in vibrazione con essi; emergono gli odori; la voce cambia di tonalità; mi viene una tosse liberatoria; la mente è libera; ho una maggiore forza ed elasticità corporea; questo per fare un esempio. Io ormai sono portato a dire che il nostro essere certe cose le sa già; dobbiamo essere noi ad avere un discernimento, e capire. Certo è che l’aiuto, come informazione, di un esperto praticante è come manna dal cielo. Grazie.

  2. Elia

    Una cosa che verifico sempre di più è quello che succede al mio naso e dintorni: le condutture respiratorie nei pressi di esso si aprono come conseguenza della impostazione interiore; è come se si sciogliessero, si staccano, sento anche dei rumorini che provengono da questo movimento di scioglimento e apertura; la cosa è proprio netta, evidente.

Lascia un commento